Pagina Principale
Pagina Protezione Civile
Scrivimi



 
 
Provincia di TREVISO
Progetto "Scuola sicura"
a cura di 
Egidio VETTORETTI
Istruttore di Protezione civile della Provincia di TREVISO

 

Indice

1.Scopo

Torna all' inizio
La presente guida contiene una sommaria indicazione delle istruzioni a cui attenersi in caso di emergenza qualora si verifichi una situazione di grave ed imminente pericolo per le persone che richieda l' immediata evacuazione dell' edificio interessato all' evento calamitoso.

E' presupposto indispensabile della presente opera l' esistenza di un piano di emergenza specifico dell' edificio realizzato da personale competente ed opportunamente "rodato" dalle indispensabili esercitazioni e prove di evacuazione da realizzarsi almeno tre volte durante l' anno scolastico, è cura pertanto della direzione didattica predisporre gli edifici di un piano di emergenza che tenga conto delle seguenti ipotesi:

2.PIANO DI EMERGENZA: validità e vincoli

Torna all' inizio
Il Piano di Emergenza è uno strumento operativo, specifico per ogni scuola, attraverso il quale vengono individuati ed analizzati probabili scenari di rischio in funzione della tipologia dei locali. Vegono indicati i comportamenti da tenere e le operazioni da compiere in caso di emergenza, al fine di consentire un esodo ordinato e sicuro di tutti gli occupanti dell'edificio scolastico.

Il piano di emergenza è soggetto ad aggiornamento annuale in rapporto alla variazione delle presenze effettive ed alla loro distribuzione e deve essere aggiornato ogni qualvolta si modifichino in modo espressivo le condizioni di esercizio sulle quali è stato impostato. Un piano di emergenza non potrà essere "confezionato" dagli alunni quale complemento dell'attività didattica in materie più o meno scientifiche, coinvolgere i ragazzi in una simile "avventura" è sicuramente utile ed educativo per la loro formazione solo se il lavoro viene svolto in qualità di semplice attività integrativa, il piano dovrà essere formato al limite anche con l'aiuto dei ragazzi ma sotto la diretta responsabilità e supervisione di personale altamente specializzato quale:

Altre figure più o meno specializzate vanno individuate con la dovuta cautela e sotto la diretta responsabilità del dirigente scolastico, le associazioni di Volontariato di protezione civile possono offrire le dovute garanzie solo in rari casi da valutarsi singolarmente, l' affidare ad un insegnante volenteroso la stesura del piano può condurre a buoni risultati solamente se affiancato da organi idonei come sopra descritto.

Una volta realizzato il piano di evacuazione "su misura", questo avrà validità nel tempo solamente se non si siano modificate le condizioni iniziali quali:

Per una migliore diffusione della cultura dell'emergenza la direzione didattica dovrebbe svolgere:

3. il piano di emergenza

Torna all' inizio
Non è compito della presente sostituirsi al piano di emergenza, che si ricorda essere presupposto indispensabile, si ritiene in ogni modo utile la breve elencazione dei suoi elementi indispensabili, alcuni dei quali in appendice. Contiene i dati tecnici dell'edificio scolastico.

(omissis) presente nel piano di emergenza
 
 

Contiene i dati relativi alla popolazione presente all'interno dell'edificio scolastico, totali e suddivisi per piani/padiglioni.

(omissis) presente nel piano di emergenza
 
 

Contiene l'elenco delle vie di esodo e delle uscite di sicurezza con indicazione delle persone e dei locali che ne usufruiscono.

(omissis) presente nel piano di emergenza
 
 

Contiene i nomi di coloro che hanno il compito di emanare e di diffondere l'ordine di evacuazione ed il tipo di segnale di allarme utilizzato.

Contiene i nomi del personale addetto al controllo delle operazioni di evacuazione ed al controllo quotidiano della praticabilità delle vie d'uscita, del personale addetto al controllo periodico dei mezzi antincendio e del personale addetto all'interruzione delle erogazioni.

Vedi modulo in appendice
 
 

Contiene i nomi di coloro che sono incaricati di effettuare le chiamate di soccorso; sono riportati i numeri telefonici delle strutture da attivare ed uno schema per fornire le informazioni.

Vedi modulo in appendice
 
 

Contiene le istruzioni e le norme di comportamento da rispettare in caso di emergenza; è riportato il modulo da apporre all'interno di ogni aula.

Vedi modulo in appendice
 
 

Contiene le procedure da seguire in caso di emergenza da parte delle persone presenti all'interno dell'edificio scolastico, è riportato il modulo di evacuazione da tenere all'interno del registro di classe.

Contiene i nomi del personale addetto al controllo delle operazioni di evacuazione ed al controllo quotidiano della praticabilità delle vie d'uscita, del personale addetto al controllo periodico dei mezzi antincendio e del personale addetto all'interruzione delle erogazioni.

Vedi modulo in appendice
 
 


4.responsabilità ed incarichi

Torna all' inizio
A cura della direzione didattica vengono preventivamente assegnati i seguenti incarichi di istituto: Per una migliore organizzazione degli incarichi si veda l' apposito modulo in appendice; questo va compilato in ogni sua parte ed aggiornato in continuazione, va affisso nei locali del personale e nelle bacheche di istituto, va portato a conoscenza di ogni dipendente con la consegna di una copia.

Gli insegnanti di ogni classe assegnano preventivamente agli alunni i seguenti incarichi:

Si veda l' apposito modulo in appendice, questo andrà compilato in ogni sua parte ed esposto in ogni classe.


5.Elementi informativi nei locali

Torna all' inizio
Per la buona riuscita dell' attività di evacuazione è indispensabile disporre dei seguenti supporti informativi:

In ogni locale devono essere presenti le cartografie di piano con indicate chiaramente le vie di esodo e i punti di raccolta, nella planimetria debbono essere indicati i sistemi di emergenza quali estintori ed idranti, pronto soccorso, i punti a rischio quali centrali termiche, le strutture portanti, muri maestri, divisori dell' edificio, con le planimetrie si devono esporre nei locali le sommarie istruzioni di emergenza (in appendice), nelle classi si debbono conservare i moduli per l' evacuazione (in appendice) da inserire preventivamente nel registro di classe, debbono inoltre essere esposti gli incarichi di classe assegnati.

In prossimità degli apparecchi telefonici devono essere ben visibili le schede per effettuare le chiamate di emergenza (in appendice).

In tutti i locali, aule, servizi, corridoi, scale, uscite, ecc. devono essere ben visibili i cartelli di emergenza indicanti le vie di esodo, i percorsi devono essere indicati per intero fino al punto di raccolta, deve essere segnalata da apposito cartello l' attrezzatura di emergenza, gli interruttori di allarme, il pronto soccorso, i telefoni, tutto ciò espressamente indicato dal piano di emergenza.

I punti di raccolta devono essere identificabili chiaramente e non creare confusione nell' identificazione delle classi.

Copia dell' intero piano di emergenza ed evacuazione completo di ogni sua parte deve essere prontamente disponibile e consegnato alle squadre di intervento che giungeranno sul posto,

è buona norma inviarne preventivamente copia aggiornata alla locale caserma dei Vigili del Fuoco e agli uffici della locale protezione civile.


6. L' evento

Torna all' inizio
Già sommariamente elencate, le cause di evacuazione possono essere molteplici.

Per la brevità dello scritto si ritiene utile ricercare un principio comune che le rappresenti affinchè alla presenza di avvenimenti imprevedibili il piano sia comunque applicabile.

L' abbandono dell' immobile sarà quindi indispensabile quando oggettivamente la sicurezza delle persone è assicurata dalla loro uscita e dal loro allontanamento dalle strutture, il responsabile dell' ordine d' evacuazione deve pertanto ordinare l' esodo nel momento in cui ritenga più sicura la permanenza del personale all' esterno.

A titolo puramente esemplificativo, una bufera che scoperchi la palestra determina una situazione di pericolo per le persone al suo interno, si disporrà ovviamente l' evacuazione limitatamente ai locali danneggiati ma riportando le persone all' interno delle aule disponendo la chiusura delle persiane ove disponibili e l' allontanamento dalle vetrate attendendo condizioni più favorevoli per un eventuale esodo di massa. Nella situazione esemplificata ad esempio, fare uscire le persone nel cortile le esporrebbe al pericolo di essere colpiti da materiali sollevati dal vento.


7. Allarme

Torna all' inizio
Presa la decisione, il responsabile dispone che venga emanato l' ordine di evacuazione.

L' ordine verrà eseguito di solito dal personale non docente delle portinerie (bidelli).

Per dare l' allarme verrà adoperata la normale campanella di fine lezione, congiuntamente all' eventuale allarme antincendio ove presente. Si ritiene che la campanella sia lo strumento più efficace essendo un segnale sonoro "caro" agli studenti al quale si presta la massima attenzione.

Il personale incaricato diffonderà il segnale generale di allarme a mezzo della campanella facendo una serie ININTERROTTA di brevi squilli di 2-3 secondi ciascuno intermittenti con pausa di 1-2 secondi, la serie si deve protrarre per non meno di due minuti.

Il responsabile dell' interruzione delle erogazioni provvederà alla chiusura del gas e della corrente elettrica.

La corrente elettrica dovrà essere interrotta con la dovuta cautela assicurandosi che non vengano interrotti servizi essenziali quali telefoni, luci di emergenza (che comunque dovrebbero funzionare lo stesso), apertura automatica di porte e cancelli, è buona norma, prima di inserire questa procedura nel piano di emergenza, valutare esattamente le conseguenze dell' operato, valutazione che dovrà essere effettuata preventivamente da un tecnico specializzato, tenendo conto delle caratteristiche costruttive, funzionali, ambientali dell' immobile.

L' interruzione dell' acqua può avvenire in un secondo tempo solo se non direttamente causa dell' evento calamitoso (es. scoppio di tubature) e solo se preventivamente ipotizzato nel piano di emergenza.

Coloro che sono incaricati di effettuare le chiamate di emergenza andranno al telefono, con calma comporranno il numero e daranno tutte le informazioni contenute nella scheda in appendice. Importantissimo è parlare con calma affiché si possa essere chiaramente compresi, rispondere a tutte le domande che ci vengono rivolte, anche quelle che ci appaiono come inutili. Prima di agganciare l' apparecchio bisogna assicurarsi che l' operatore all' altro capo abbia finito di annotare l' intervento e ci dica che possiamo andare.


8. In classe

Torna all' inizio
Quando si avverte il segnale di evacuazione bisogna: Il panico è il peggior nemico nelle situazioni estreme, è compito; dell'insegnante contenere manifestazioni di tale tipo tra i ragazzi, dovrà rassicurarli ed incominciare la fase esecutiva del piano Bisogna concentrarsi su quello che si andrà a fare, il tempo è un elemento importante ma è in ogni modo sempre meglio perdere qualche istante e riflettere sul da farsi con calma Non bisogna portare con se nulla, bisogna avere tutte e due le mani libere per tenersi stretti con i compagni, eventuali borse, ombrelli od altro potrebbero essere un serio ostacolo alla regolarità dell'esodo, potrebbero anche essere fonte di pericolo, si pensi a chi in fuga con una grossa borsa decida di abbandonarla per muoversi meglio, magari nel bel mezzo del corridoio dove altri potrebbero inciampare.

L'insegnante dovrà prendere il registro di classe con il modulo di evacuazione in esso contenuto e coordinare le operazioni in aula.

Prima di aprire la porta bisogna formare la fila dei ragazzi, il capofila andrà verso l'uscita dando la mano al suo primo compagno e così via fino a formare la catena (sempre tutti per mano), ultimo è ovviamente il chiudifila.

Il chiudifila, mentre si forma la catena, dovrà chiudere tutte le finestre della classe (se aperte), guardando il capofila si assicura che tutti si siano alzati e presi per mano.

A questo punto si è pronti ad uscire, l'insegnante il capofila e il chiudifila si assicurano che tutti siano per mano, finestre chiuse, a questo punto il capofila apre la porta e con la supervisione dell'insegnante inizia ad uscire.

Il chiudifila, per ultimo, chiude la porta e si assicura che non ci sia più nessuno in classe.
 
 

In caso di Incendio
  • Se l'incendio si è sviluppato in classe esci subito chiudendo la porta
  • Se l'incendio è fuori della tua classe ed il fumo rende impraticabili le vie di uscita:
  • Chiudi bene la porta e cerca di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati
  • Apri la finestra e chiedi soccorso
  • Se il fumo non ti fa respirare filtra l'aria attraverso un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiati sul pavimento 

 
 
 
 
 
 
In caso di Terremoto
  • Mantieni la calma
  • Non precipitarti fuori
  • Resta in classe e riparati sotto il banco
  • Allontanati da finestre, porte con vetri ed armadi 
  • Se sei nei corridoi o nelle scale rientra nella classe più vicina
  • Dopo il terremoto, all'ordine di evacuazione, abbandona l'edificio senza usare l'ascensore e raggiungi la zona di raccolta assegnata.
  • Se sei all'esterno nel cortile della scuola, allontanati dall'edificio, lampioni, linee elettriche ecc., alla fine della scossa raggiungi la tua classe nel suo punto di raccolta e dai il tuo nome all'insegnante.

 


9. L' esodo

Torna all' inizio
La classe, disposta come sopra indicato, esce nel corridoio, il capofila segue il percorso assegnato verso il punto di raccolta, importante è mantenere la calma e non lasciare mai la mano del compagno, la catena di ragazzi è un sistema efficacissimo per vincere la paura e per non perdere nessuno, se la catena esce compatta e tale giunge al punto di raccolta, si è sicuri che nessuno si è perso per strada e che gli eventuali assenti sono probabilmente da ricercare nelle aule. Un esodo disordinato potrebbe far mischiare le persone tra le classi e potrebbe far perdere all' interno dell' edificio eventuali ragazzi.

Gli alunni isolati, se possibile, si aggregano alla classe o al gruppo più vicino segnalando la propria presenza agli altri; se ciò non è possibile procedono all' evacuazione in modo individuale seguendo la via di uscita più vicina; appena giunti all' esterno devono raggiungere la propria classe presso il punto di raccolta a loro già noto (è importantissima la conoscenza del piano di evacuazione anche a seguito delle esercitazioni) e dare il proprio nominativo all' insegnante affinchè venga inserito tra i presenti.

I ragazzi incaricati di aiutare compagni in difficoltà devono operare nei limiti delle proprie capacità senza rallentare le operazioni di esodo e senza mettere a rischio la propria e l' altrui incolumità.


10. Il centro di raccolta

Torna all' inizio
Una volta giunti al punto di raccolta assegnato, l' insegnante mantiene compatta la propria classe e procede all' appello dei presenti. Sull' apposito modulo contenuto nel registro (vedi appendice) indica la scuola, la classe, il numero degli alunni che erano presenti all' appello della mattina evincibile dal registro di classe; fatto l' appello dei presenti presso il punto di raccolta indica il numero di questi sul modulo calcolando così il numero dei dispersi, ne indica il numero e l' elenco nominativo negli appositi spazi.

Se giungono alunni feriti presso il centro di raccolta, l' insegnante ne indica il nominativo e li affiderà alle squadre di soccorso che da li a breve giungeranno. Alla fine appone data e ora sul modulo, lo sottoscrive e lo consegna ai responsabili delle squadre di soccorso affinche questi possano avere un quadro quanto mai reale della situazione e, venuti conoscenza del numero di dispersi, predisporre gli opportuni interventi.
 
 


Torna all' inizio

 

Scuola Statale_____________________

Anno scolastico _________/_________
Richiesta di soccorso

Da esporre in prossimità di ogni telefono

Gli incaricati alle chiamate di emergenza dovranno effettuare le chiamate osservando il seguente promemoria:

cosa dire:

Sono:_______________(nome e qualifica di chi telefona)
 

Telefono dalla scuola __________________
 

La scuola si trova in località_____________in via___________
 

Il numero di telefono è_____________________
 

Nella scuola si è verificato_________________________
 

Sono interessati i locali_____________(indicare numero locali e piani)
 

Le persone coinvolte sono in numero di________________
 

Ci sono feriti SI-NO


 

Attendere le istruzioni dell' operstore e rispondere con calma alle sue domande prima di riagganciare


Breve guida ai numeri di emergenza
Chiamata a
Numero
Vigili del Fuoco
115
Ambulanze
118
Carabinieri
112
 
Polizia
113
Protezione Civile Montebelluna
0423-24242
Polizia Municipale  
Municipio  
Direzione didattica  
   
   

 
 
 
 
 
 


Torna all' inizio

 
 

Scuola Statale_____________________

Anno scolastico _________/_________

 
 
 
 
 
 
 
Assegnazione degli incarichi di ISTITUTO
incarico
nominativo
supplente
Ordine di evacuazione
Emanazione dell' ordine di evacuazione    
Diffusione dell' ordine di evacuazione    
Controllo delle operazioni di evacuazione
Piano terra    
Primo piano    
Secondo piano    
     
     
Chiamate di soccorso
Vigili del fuoco 115    
Ambulanze 118    
Protezione civile comunale    
Forze dell' ordine 113    
     
Interruzzione erogazioni
Gas    
Corrente elettrica    
Altro…    
Sistemi di emergenza
Attivazione Estintori    
Controllo periodico efficienza impianti antincendio    
Controllo periodicopraticabilità uscite di emergenza e vie di esodo    
     

 

Ultimo aggiornamento ___________ Il responsabile_______________
 
 


Torna all' inizio

 
 

Scuola Statale_____________________

Anno scolastico _________/_________

 

Sommarie istruzioni per il personale

in caso di evacuazione



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Il Dirigente scolastico
  • Emanare l'ordine d'evacuazione e sovrintendere alle operazioni di sgombero.
  • Controllare la corretta applicazione degli ordini di servizio relativi agli incarichi assegnati.
  • Predisporre l'addestramento periodico del personale docente e del personale non docente per utilizzare correttamente il piano di evacuazione e i mezzi antincendio.

 
Personale docente
  • Informare preventivamente gli studenti sui contenuti del piano d'emergenza ed invitarli ad una responsabile osservazione delle norme e dei comportamenti in esso previsti.
  • Intervenire prontamente laddove si dovessero determinare situazioni critiche dovute al panico.
  • Comunicare immediatamente al dirigente scolastico le sopraggiunte situazioni di pericolo.
  • In caso di segnale d'allarme:
  • Interrompere immediatamente ogni attività
  • Prendere e portare con se il registro di classe e il modulo d'evacuazione in esso contenuto
  • Guidare gli studenti verso l'uscita di sicurezza, seguendo il percorso segnalato coadiuvato da apri fila, serra fila ed aiuto disabili
  • Raggiunta la zona di raccolta riempire il modulo di evacuazione verificando la presenza e le condizioni degli studenti
  • Far pervenire alla direzione delle operazioni il modulo di evacuazione adeguatamente compilato

 
Personale NON docente
  • Adempiere agli incarichi assegnati.
  • Controllare le operazioni di evacuazione ed in particolare:
  • Evitare che il flusso diventi caotico
  • Vigilare sulle uscite di sicurezza

 


Torna all' inizio

 

Scuola Statale_____________________

Anno scolastico _________/_________
Istruzioni di classe e norme di comportamento in caso di evacuazione

Da esporre in ogni locale



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Alla diramazione dell'allarme di evacuazione:
  • Mantieni la calma
  • Interrompi immediatamente ogni attività
  • Lascia tutto l'equipaggiamento (libri, abiti o altro)
  • Incolonnati dietro gli apri fila
  • Componi una fila compatta tenendo per mano il compagno che ti precede e il compagno che ti segue
  • Durante l'evacuazione non lasciare la mano dei tuoi compagni
  • Ricordati di non spingere, non gridare e non correre
  • Segui le vie di fuga indicate seguendo il tuo capofila
  • Raggiungi la zona di raccolta assegnata e non ti allontanare da questa
  • Nel punto di raccolta assicurati di rispondere all'appello
  • Mantieni la calma

 
 
 
 
 
 
In caso di Incendio
  • Se l'incendio si è sviluppato in classe esci subito chiudendo la porta
  • Se l'incendio è fuori della tua classe ed il fumo rende impraticabili le vie di uscita:
  • Chiudi bene la porta e cerca di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati
  • Apri la finestra e chiedi soccorso
  • Se il fumo non ti fa respirare filtra l'aria attraverso un 
  • Fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiati sul pavimento 

 
 
 
 
 
 
In caso di Terremoto
  • Mantieni la calma
  • Non precipitarti fuori
  • Resta in classe e riparati sotto il banco
  • Allontanati da finestre, porte con vetri ed armadi 
  • Se sei nei corridoi o nelle scale rientra nella classe più vicina
  • Dopo il terremoto, all'ordine di evacuazione, abbandona l'edificio senza usare l'ascensore e raggiungi la zona di raccolta assegnata.
  • Se sei all'esterno nel cortile della scuola, allontanati dall'edificio, lampioni, linee elettriche ecc., alla fine della scossa raggiungi la tua classe nel suo punto di raccolta e dai il tuo nome all'insegnante.

 
 
 
 
 
 
 


Torna all' inizio

 
 
 

Scuola Statale_____________________

Anno scolastico _________/_________

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Assegnazione degli incarichi di CLASSE

Da esporre in ogni aula

Alunni apri-fila
Nominativo
 
 

_____________________________

Supplente
 
 

_____________________________

Alunni chiudi-fila
Nominativo
 
 

_____________________________

Supplente

_____________________________


 
 
 
 
 
 
Alunni aiuto-disabili
Nominativo

_____________________________

_____________________________

Nominativo

_____________________________

_____________________________


 
 
 
 
 

Ultimo aggiornamento ___________                                     Il responsabile
 
 
 


Torna all' inizio

 

Modulo di evacuazione

Da conservare all' interno del registro di classe

e compilare al punto di raccolta a cura dell' insegnante























Scuola____________________________________________Classe______
 
 

Causa dell' evacuazione________________zona di raccolta n.______
 
 
 
Alunni presenti

all' inizio delle lezioni

N°______
Alunni presenti

al punto di raccolta

N°______
Alunni dispersi
N°______

 
 
 
 
Elenco nominativo degli alunni dispersi

 
 
 

 

Elenco nominativo degli alunni feriti 
(evacuati al punto di raccolta)

 
 
 

 


 
 
 
 

Data _____/_____/____________ ora_______:_______
 
 
Il coordinatore la Protezione civile
 

_____________________________

 L' insegnante responsabile
dell' evacuazione
 

______________________



 
 
Pagina Principale
Pagina Protezione Civile
Scrivimi
Torna all' inizio
aggiornato il 20-09-2001